Alcune persone sono convinte che Herbalife è una droga e che consumare i prodotti è pericoloso.

Francamente non mi sorprende che anche tu hai questo dubbio. Infatti Herbalife ha una lunghissima storia alle sue spalle. L’ azienda nasce nel 1980 negli Stati Uniti. Nel corso dei suoi 40 anni di storia l’ azienda è stata oggetto di numerose controversie.

Sicuramente molte di queste riguardano il suo impatto sulla vita finanziaria delle persone. Basti pensare alla multa di 200 milioni inflitta nel 2017 dalla FTC. Con questa sanzione l’ ente nazionale per la tutela dei consumatori condanna l’ azienda a risarcire oltre 350.000 distributori che hanno esercitato l’ attività d’ incaricato alle vendite tra il 2009 ed il 2015.

Oppure pensiamo al documentario su Herbalife uscito nel 2016. In questo film intitolato “Betting On Zero” l’ azienda finisce sotto accusa non solo per il suo modello di business piramidale bensì anche per le caratteristiche dei suoi prodotti.

Più precisamente Bill Ackman protagonista del film afferma che i prodotti Herbalife sono di scarsa qualità. Inoltre il milionario statunitense afferma che i prodotti hanno un costo esorbitante se rapportato alla qualità degli stessi.

Questi sono solamente alcuni dei numerosi scandali che hanno colpito il colosso statunitense in questi decenni. Tra l’ altro un nuovo scandalo è capitato poche settimane fa in India e ha coinvolto una giovane di 24 anni.

Io non so per quale motivo vuoi conoscere meglio i prodotti Herbalife. Forse vuoi abbattere i chili di troppo senza però esporti al rischio derivante da prodotti poco affidabili.

Oppure alcuni tuoi conoscenti consumano i prodotti Herbalife. Siccome vuoi loro bene desideri aiutarli.

Se è così direi che oggi se capitato nel posto giusto al momento giusto! Mettiti comodo e ascoltami attentamente!


Herbalife è una droga?
E’ pericoloso?

banner newsletter wordpress

Per stabilire se Herbalife è una droga ci sono diversi episodi che mi preme menzionare.

Praticamente nel corso degli anni l’ azienda ha ricevuto numerose denunce. Inoltre più volte nel corso degli anni i vari enti si sono mobilitati per contrastare e in alcuni casi bandire il commercio di uno o più prodotti marchiati Herbalife.

Ovviamente non tutti i prodotti Herbalife sono ambigui. Infatti il suo catalogo comprende numerosi prodotti. Sicuramente alcuni di questi sono totalmente immacolati.

Tuttavia personalmente penso che non ci sono validi motivi per esporsi a questi rischi. Infatti in commercio troviamo tanti prodotti sicuri con un ottimo rapporto qualità prezzo. D’ altra parte è risaputo che i prodotti Herbalife sono anche estremamente costosi.

Nella maggior parte dei casi il consumo di tali prodotti è indotto dallo status di incaricato alle vendite. Infatti siccome Herbalife è un’ azienda di Network Marketing ogni incaricato per percepire provvigioni derivanti dalla rete deve fare un ordine ogni mese. E’ proprio questo lo stimolo più importante al consumo di questi prodotti.

Per quanto concerne il resto t’ invito ad optare per delle alternative migliori. Queste in quanto tali devono essere composte da ingredienti completamente naturali e non da composti di dubbia provenienza.

Detto questo vediamo quali sono i retroscena più cupi che hanno visto come protagonista il colosso statunitense.


1 – Efedrina

Non ti so dire se paragonare Herbalife ad una droga sia il termine giusto. Quello che invece sò è che gli scandali più noti risalgono a dopo gli anni 2000.

Sicuramente uno dei più popolari è lo scandalo sull’ Efedrina avvenuto nel 2002 negli Stati Uniti. Praticamente in quegli anni si scoprì che alcuni integratori Herbalife contenevano Efedrina. Si tratta di una sostanza alcaloide che ha la funzione di controllare l’ appetito.

Nel 2004 la FDA vietò il commercio di prodotti contenenti Efedrina. Di conseguenza svariati prodotti Herbalife vennero banditi.


2 – Problemi al fegato

Dire espicitamente che Herbalife è una droga è inappropriato.

Quello che invece possiamo dire è che nel corso dei decenni numerose controversie sono sorte a seguito di problemi al fegato. Infatti numerose persone hanno accusato malori a tale organo. Guarda caso tutte queste avevano come minimo comune denominatore il consumo di prodotti Herbalife.

Nel 2005 quattro persone accusarono malori a seguito del consumo di prodotti Herbalife. Di conseguenza il Ministero della Salute israeliano avviò delle indagini. Dalle analisi emerse che i prodotti Herbalife contengono prodotti tossici in grado di nuocere gravemente al fegato.

Herbalife in via precauzionale ritirò i prodotti inquisiti dal mercato israeliano. Inoltre lo stesso Ministero della Salute invitò i propri cittadini a fare attenzione ai prodotti Herbalife. Purtroppo non tutti seguirono questo consiglio. Infatti nel 2009 una donna israeliana lamentò problemi al fegato attribuendo la colpa ai prodotti Herbalife.

Nel 2007 vari istituti intrapresero degli studi per verificare se di fatto i prodotti Herbalife provocano danni al fegato. Da queste ricerche emerse che potrebbe esserci un nesso tra il consumo di prodotti Herbalife e l’ insorgenza di problemi al fegato. Varie nazioni invitarono i propri cittadini a astenersi dal consumo dei prodotti Herbalife.

Purtroppo non tutti seguirono questo consiglio. Infatti nel 2008 una donna israeliana avviò una battaglie legale contro il colosso statunitense. La ricorrente sostenne che i suoi problemi al fegato fossero la conseguenza del consumo dei prodotti Herbalife.


3 – Lo scandalo indiano

Quando si accosta Herbalife alla droga è doveroso menzionare il caso indiano. Si tratta di un episodio accaduto poche settimane fa.

Siamo nel Maggio del 2019 in India. Una donna viene ricoverata d’ urgenza al Ernakulam Medical Centre. La giovane 24 enne non mangia da una settimana. Oltre ad aver perso qualsiasi stimolo di appettito la sventurata è visibilimente sofferente. Il colorito della sua pelle è giallo e i medici comprendono che il fegato della giovane è irrimediabilmente compromesso.

La paziente viene trasportata immediatamente al centro trapianti ma oramai è troppo tardi. Negli ultimi 2 mesi della sua vita la vittima ha assunto prodotti dimagranti marchiati Herbalife.

I medici prelevano campioni di tali prodotti per sottoporli ad analisi. I risultati di queste analisi sono sconcentanti. Dalle analisi si evince che i prodotti Herbalife contengono numerosi metalli pesanti nonchè svariate sostanze psicotrope. Inoltre i campioni analizzati contengono svariati batteri patogeni alcuni dei quali estremamente pericolosi.

La presenza di tali elementi è difatto compatibile con le cause della morte. Infatti consumare tali prodotti per tempi prolungati provoca effettivamente danni irreversibili al fegato.

Puoi approfondire l’ intera vicenda a questo link.


Herbalife è una droga?
– Conclusione

banner newsletter wordpress

Se per un attimo hai pensato che Herbalife è una droga finalmente sai come stanno le cose.

Praticamente nel corso della sua lunga storia l’ azienda è finita sotto accusa per vari motivi. Sicuramente alcuni di questi riguardano il suo modello di business. Tuttavia in molti altri casi il fattore scatenante è la natura dei suoi prodotti.

Più volte le persone fisiche nonchè quelle giuridiche hanno sollevato polemiche riguardanti l’ impatto sulla salute dei prodotti Herbalife. Nella maggior parte dei casi l’ accostamento è quello riguardanti i danni a livello del fegato. Il caso lo scandalo indiano verificatosi nel Maggio del 2019 è l’ esempio più lampante.

Ora l’ unica cosa che dobbiamo chiederci è quando il prossimo scandalo?

Condividi

Luca
Luca

Sono un consulente di marketing online, sviluppatore di siti web nonchè blogger esperto di affiliazioni. Ho aperto il mio blog SoldiOnline.BIZ per far comprendere alle persone che fare Marketing Online in completa autonomia si può. Un tempo credevo nella bontà del Network Marketing. Successivamente mi sono ricreduto. Fortunatamente grazie al mio blog ho trovato qualcosa di meglio in cui credere. Sono ambientalista, vegano nonchè animalista convinto ed impiego la mia vita al servizio degli animali.

Lascia un Commento

Your email address will not be published.