In questo periodo si parla molto della moglie di Jeff Bezos il cui nome è MacKenzie Tuttle ed è una scrittrice di successo. Sicuramente la ormai ex moglie del fondatore di Amazon è una donna particolare.

D’ altra parte è proprio vero che “dietro ad un grande uomo c’è sempre una grande donna“. Infatti se Bezos ha un patrimonio di 138 miliardi di dollari è merito anche di sua moglie.

D’ altra parte MacKenzie in questi 26 anni di matrimonio è sempre stata a fianco del marito supportandolo sia nel lavoro che nella vita privata famigliare.

Non solo ha accudito i 4 figli mentre il marito si occupava di business ma Tuttle era li solo insieme a Bezos quando nel 1994 si rinchiuse nel suo garage di Seattle per fondare Amazon.

Vediamo più da vicino colei che presto diventerà la donna più ricca del mondo.


La moglie di Jeff Bezos.
Ecco chi è MacKenzie Tuttle

Per spiegarti meglio chi è la moglie di Jeff Bezos vorrei partire dalle origini. Infatti MacKenzie Tuttle è sempre stata vicino al marito sin dalle umili origini.

D’ altra parte se oggi Bezos è l’ uomo più ricco del mondo qualche anno fà le cose erano diverse. C’è stato un periodo in cui i due non se la spassavano di certo bene economicamente. Tuttavia tutte le persone di successo sono tali perchè hanno scelto di prendersi dei rischi.

Vediamo quindi come comincia tutto.


Ecco come inizia tutto…

Il primo incontro con la futura moglie di Jeff Bezos avviene nel 1992. In quel periodo Bezos era responsabile per l’ assunzione di personale presso la Hedge Fund De Shaw & Co.

Un giorno al colloquio si presenta quella che diventerà presto la sua futura moglie. Tuttle si aggiudica il posto e inizia a prestare servizio in un ufficio a fianco a quello di Bezos. Di conseguenza questa vicinanza consentirà ad entrambi di conoscersi meglio.

Jeff Bezos non è più sposato perchè oramai MacKenzie è diventata la ex-moglie

Il cuore di Tuttle comincia a battere forte per Bezos soprattutto quando lo sente ridere. Così la donna ben presto comincia a farsi avanti ed invita Jeff a pranzo. Dopo una breve frequentazione i due dopo solo 3 mesi si fidanzano mentre dopo 6 mesi i due celebrano le nozze.


Un lancio nel vuoto…

Ad un certo punto la moglie di Jeff Bezos segue il marito in una scelta rischiosa. Infatti Bezos non era soddisfatto del suo stipendio da 220.000$ all’ anno. Così nel 1994 si licenzia rintanandosi insieme alla moglie in un piccolo garage di Seattle. Queste sono le origini di Amazon.com

Mentre Bezos sviluppa un sistema di commercio elettronico volto a vendere online libri, la moglie supporta il marito svolgendo il ruolo di contabile. I primi anni furono molto difficili perchè i guadagni scarseggiavano e c’era molta incertezza sulla buona riuscita del progetto.

Tuttavia dopo 5 anni di scarsità il business esplode e i due coniugi iniziano a guadagnare tanti soldi. Di conseguenza i due si trasferiscono da un umile monolocale ad una nuova villa pagata piu di 5 milioni di dollari.


MacKenzie Tuttle scrittrice di successo

La buona riuscita del progetto Amazon consente alla moglie di Jeff Bezos di dedicare più attenzione alle sue ambizioni personali. Infatti MacKenzie Tuttle da sempre sogna di diventare una scrittrice di successo.

D’ altra parte il suo successo letterario promette bene sin dalle origini. Infatti la ormai ex-moglie di Jeff Bezos (classe 1970), si laurea nel 1992 a pieni voti presso la facoltà di letteratura inglese.

Per molto tempo Tuttle ha tenuto a bada le sue ambizioni letterarie. D’ altra parte prima di conoscere Bezos si manteneva da vivere lavorando presso ristoranti della sua città. Anche durante la vita coniugale Tuttle ha messo in secondo piano il suo sogno di affermarsi come scrittrice.

Tuttavia dopo il successo di Amazon, Tuttle comincia a concentrarsi sul sogno di scrittrice. I riconoscimenti non si fanno attendere. Infatti il primo successo risale al 2005 con la pubblicazione di “The Testing of Luther Albright”. Questo libro viene accolto con favore dalla critica che come riconoscimento le farà vincere nel 2006 l’American Book Award. Per completare questo primo scritto l’ autrice impiega 10 anni.

Il secondo libro viene pubblicato nel 2013 e si chiama “Traps“. Questa seconda opera è stata scritta ad insaputa del marito. Infatti Bezos ama leggere i romanzi della moglie e per evitare di distrarre il marito dal progetto Amazon, MacKenzie ha rivelato il libro solamente nel momento della pubblicazione.


Il divorzio dal marito

E’ dal gennaio del 2019 che MacKenzie non è più la moglie di Jeff Bezos. Infatti dopo 26 anni di matrimonio e 4 figli i due hanno messo fine al loro rapporto coniugale.

D’ altra parte in un intervista la donna ha sottolineato le grandi diversità che la separano dal marito. Per molto tempo gli opposti si sono attratti ma ad un certo punto sia Jeff che Tuttle hanno iniziato a sentire il bisogno di respirare aria nuova.

Come più volte ribadito dai due ex-coniugi il divorzio non ha compromesso il rapporto d’ amicizia tra i due. Infatti questa divisione è stata accolta con sportività da entrambi i fronti.

D’ altra parte oltre ai sentimenti dei due in ballo ci sono tante altre cose. 4 figli, 5 ville, un patrimonio di 138 miliardi di dollari e la più grande azienda del mondo sono solamente alcune delle tante cose importanti.


Conclusione

La oramai ex moglie di Jeff Bezos è una donna straordinaria. Infatti se il fondatore di Amazon è l’uomo più ricco del mondo buona parte dei meriti dipendono dalla donna che lo ha affiancato per ben 26 anni.

Tante persone si chiedono in che modo cambierà la vita di MacKenzie dopo questo divorzio. Inoltre i media parlano molto della vita privata di Bezos presente nonchè dei nuovi scenari per il futuro.

Noi non sappiamo quello che succederà ai due ex-coniugi ma dalle interviste rilasciate da entrambi possiamo comprendere che il rapporto dei due rimarrà sempre un legame amoroso inteso come amicizia.


Luca
Luca

Nel 2016 subisco una truffa telefonica. Dopodichè apro il blog SoldiOnline.BIZ per far comprendere alle persone che fare Marketing Online in completa autonomia si può. Se non fossi stato truffato questo blog non sarebbe mai nato. E' proprio vero che non tutti i mali vengono per nuocere. Non vedo l' ora di subire una nuova truffa!

Lascia il tuo commento

La tua mail non verrà pubblicata