In questo tutorial voglio spiegarti come usare il plugin Yoast SEO per WordPress. Come suggerisce il nome stesso, questo strumento serve per migliorare la SEO del tuo sito web. Ovviamente, quando parlo di ottimizzare la SEO non mi riferisco ad una specifica pagina del tuo sito bensì ad ognuna di queste. Infatti, grazie a Yoast SEO potrai ottimizzare il posizionamento per ciascuna delle parole chiave che rimandano al tuo sito. In questo modo potrai aumentare la quantità di traffico organico ricevuto ed aumentare la possibilità di monetizzare il tuo sito web.

Come riportato nell’ articolo scritto qualche tempo fà, la SEO è l’ insieme di tutte quelle strategie che hanno lo scopo di ottimizzare il posizionamento di un sito nei motori di ricerca. Una di queste strategie consiste nello scrivere i testi in modo chiaro e leggibile. In questo modo potrai indicare a Google che il testo pubblicato è ben presentabile agli occhi dei visitatori. Siccome Google ha tutto l’ interesse di dare visibilità ai contenuti migliori, grazie al plugin Yoast SEO per WordPress potrai aumentare la visibilità dei tuoi contenuti e puntare a posizionamenti migliori nei motori di ricerca.

Ma quali sono le funzionalità di questo plugin e come si utilizza ?

Mettiti comodo e ascoltami attentamente perchè tra poco lo scopirai.


Plugin Yoast SEO per WordPress. Come funziona?

Nel corso di questo articolo ti guiderò passo per passo sul’ utilizzo del plugin Yoast SEO per WordPress.

Prima di entrare nel vivo della nostra trattazione, mi preme ricordarti che i fattori SEO sono oltre 200. Pertanto l’ utilizzo ottimale di questo plugin ti permette di ottimizzare solamente una piccola parte di questi fattori. Tuttavia, questo strumento è un valido complemento alle altre accortezze da utilizzare per scalare i motori di ricerca.

Per maggiori approfondimenti su come raggiungere le prime posizioni sulla Serp ti invito a visionare questo articolo.


Come installare il plugin Yoast SEO

Se desideri installare la versione free di Yoast SEO ti basterà andare nella sezione Plugins all’ interno della tua dashboard di WordPress. Successivamente dovrai cliccare su Aggiungi nuovo e digitare nella casella di ricerca la parola “Yoast SEO“.

Come puoi notare, Yoast SEO ha più di un milione di installazioni e oltre 22500 recensioni con una votazione di ben 5 su 5. Procedi quindi con l’ installazione cliccando su Installa Ora.

N.B. Se hai attivo un altro plugin SEO come All in One SEO, dovrai prima disattivarlo.
Dopo aver disattivato il tuo vecchio plugin SEO potrai attivare il nuovo Yoast SEO. Ti ricordo che puoi trasferire i dati di All in One SEO nel tuo nuovo plugin Yoast SEO. Per farlo ti basta andare su SEO>Strumenti>Importa da altri plugin SEO. Quindi seleziona il plugin dalla quale fare partire la migrazione e clicca su Importa.


Come impostare il plugin Yoast SEO

SEMrush

Dopo aver attivato il tuo nuovo plugin noterai alcune voci nuove nella tua Dashboard WordPress. Nel corso di questo articolo le vedremo meglio una ad una.

La prima che mi preme illustrare è la voce SEO che appare dopo aver attivato il plugin Yoast SEO. Si tratta di una voce che appare nella colonna a sinistra della tua Dashboard.

Come puoi notare questa voce ti appare un menù attraverso la quale gestire diverse funzionalità riguardanti il plugin. Ci tengo a precisare che il plugin che sto usando io è la versione Premium. Come detto precedentemente, la versione a pagamento sblocca funzionalità aggiuntive. Pertanto se dovessi notare alcune voci mancanti non ti preoccupare. Se stai usando la versione gratuita potresti non trovare voci che in questa guida ho riportato.

Ti ricordo inoltre che la Dashboard del mio WordPress è in lingua inglese. Pertanto se la lingua da te impostata è l’ italiano, potrai visualizzare ogni singola voce nella tua madrelingua.

Vediamo quindi il funzionamento di ognuna di queste funzioni.

Riguardo al plugin Yoast SEO ho tante cose da dirti primo fra tutti come avviene l' impostazione


1 – General

Cliccando sulla voce General potrai visualizzare una schermata generica dove visualizzare gli aspetti più salenti del tuo plugin. La sezione General ha 3 sottovoci che sono rispettivamente Dashboard, Features e Webmaster Tool.


1.1 – Dashboard

Nella sezione Dashboard oltre a visualizzare notifiche varie sullo stato dei tuoi contenuti, potrai visualizzare anche vari suggerimenti per ottimizzare più in profondità la SEO di tutte le tue pagine.

Se stai usando Yoast SEO per la prima volta, in questa sezione troverai una voce che ti invita ad iniziare la configurazione guidata del tuo plugin. Cliccando sull’ apposita voce inizierai la configurazione costituita da 12 diversi passaggi. In questa configurazione ti verranno poste alcune domande sullo scopo del tuo sito, sui canali social collegati e molto altro ancora.

A fine procedura ti verrà anche chiesto se desideri iscriverti alla Newsletter di Yoast SEO o se desideri visionare alcuni tutorial in formato video. Se conosci bene l’ inglese ti consiglio di guardare questi video perchè sono stati pubblicati personalmente dagli sviluppatori del plugin. D’ altra parte chi meglio di loro può insegnarti come usarlo al meglio ?

Ti ricordo che la procedura guidata la puoi compiere in qualsiasi momento. Inoltre, una volta compiuta potrai rifarla ogni volta che lo desideri. Infatti, può succedere che col tempo le cose cambiano pertanto può essere necessario effettuare la configurazione più volte nel corso del tempo.


1.2 – Features

Nella sezione Features puoi attivare o disattivare ognuna delle funzionalità offerte dal plugin Yoast SEO. Alcune di queste funzioni possono riguardare l’ inserimenti di link interni ed esterni, piuttosto che la lunghezza dei paragrafi o delle frasi. Altrettanto importanti sono i contenuti cornestone che sono gli articoli più importanti del tuo sito web. Puoi anche gestire la tua Sitemap e molto altro ancora.

Attraverso la sezione Features puoi scegliere se attivare o disattivare ogni singolo suggerimento.

Come vedremo più avanti, questo plugin ti permette di ottimizzare diverse sfaccettature della tua SEO.
L’ ottimizzazione avviene perchè il plugin attraverso un’ apposita interfaccia ti comunica se e dove ci sono aspetti da ottimizzare. Yoast SEO notifica i suoi suggerimenti alla fine di ogni pagina utilizzando dei simboli di semaforo dal colore verde, giallo o rosso.


1.3 – Webmaster Tool

La voce Webmaster Tool serve per collegare il tuo sito web agli strumenti di Google Search Console e Bing Webmaster Tool. In realtà ti permette anche di collegare il tuo sito ad altri strumenti come Baidu e Yandex.

Ma cosa sono questi strumenti?

In parole povere sono degli strumenti che ti permettono di comunicare direttamente coi motori di ricerca. Infatti, registrandoti alla Search Console di Google o al Webmaster Tool di Bing, potrai monitorare lo stato di salute del tuo sito. Potrai anche comunicare informazioni importanti che potrebbero sfuggire alle scansioni che regolarmente vengono fatte dai robot di Google o Bing.

Oltre a verificare la proprietà del tuo sito, potrai anche inviare la tua Sitemap generata con l’ apposita funzione offerta dal plugin Yoast SEO.

La verifica della proprietà nonchè l’ invio della Sitemap è facoltativo. Tuttavia, queste operazioni sono estremamente importanti. Pertanto, adempiere a queste due cose è da considerarsi obbligatorio e prioritario !

Come accennato precedentemente, attraverso la funzione Webmaster Tool puoi anche comunicare il tuo sito a motori di ricerca come Baidu e Yandex. Queste due funzioni sono facoltative. Infatti Baidu e Yandex sono i principali motori di ricerca rispettivamente Cinese e Russo. Registrarsi a questi motori di ricerca sarebbe di scarsa utilità per un sito italiano come il tuo.


2- Search Appearance

Procedendo in ordine, subito sotto General troviamo la voce Search Appearance.

Questa voce ti permette di impostare la visualizzazione delle pagine del tuo sito quando appaiono nei motori di ricerca. Di default, Yoast SEO ha già un’ impostazione standard che non necessita di modifiche. Tuttavia se lo desideri puoi.

Questa sezione è composta da diverse sottocategorie. Vediamole più da vicino.


2.1 – General

Nella prima voce General puoi impostare diverse cose.

La prima è il Title – Separator. Come puoi notare dallo screenshot pubblicato qui sotto,  questa opzione ti permette di modificare il simbolo che separa i diversi elementi che appaiono nello snippet. Infatti, la parte alta dello snippet è composta dal Titolo e quest’ ultimo è composto da vari elementi. I due elementi principali sono sicuramente il nome del sito e il titolo della pagina o articolo. Questi due elementi sono separati da un simbolo e attraverso questa funzione potrai selezionare il tuo simbolo preferito.

Il SEO Title è composto dal nome del sito e dal nome della pagina

Nella sezione General puoi anche modificare lo snippet delle pagine più importanti del tuo sito.
Nello specifico parlo della Homepage e della Blog-page.

Questa opzione la puoi anche modificare visitando direttamente queste due pagine.
Pertanto, in questa sezione il plugin Yoast SEO ti ripropone un opzione superflua.

Lo snippet della tua homepage lo puoi modificare usando il plugin di Yoast SEO

Altrettanto superflua è la possibilità di modificare il nome della compagnia o impostare il logo. Infatti, questa operazione è possibile farla eseguendo la procedura guidata di cui abbiamo parlato precedentemente.

Se vuoi impostare il logo del tuo sito web puoi usare Yoast SEO

2.2 – Content Types

In questa sezione puoi scegliere quali articoli visualizzare e come visualizzarli.
Oltre agli articoli puoi anche impostare gli stessi aspetti riguardo alle tue pagine.

Assicurati quindi di tenere sempre attiva l’ indicizzazione dei post per non subire limiti alla visibilità dei tuoi articoli sui motori di ricerca. Ti consiglio anche di nascondere la data di scrittura di un determinato articolo.

Queste due opzioni di default sono impostante in maniera ottimale quindi non è necessario apportare modifiche personalizzate. Stesso discorso per la Yoast SEO Meta Box.

L' indicizzazione degli articoli nei motori di ricerca è fondamentale per aumentare la tua visibilità

2.3 – Media

Attraverso la voce media puoi creare un URL specifico per ciascun file immagine o video caricato su WordPress.
E’ cosa buona indirizzare le persone verso il contenuto media anzichè verso la pagina che lo contiene. Pertanto è consigliato lasciare l’ impostazione di default su Yes.

La voce media di Yoast SEO ti permette di gestire gli URL dei tuoi file immagine o video

2.4 – Taxonomies

Nella sezione Tassonomie puoi modificare le impostazioni Snippet dei TAG e delle Categorie.

Le impostazioni di default vanno benone. Ti ricordo che comunque puoi impostare gli snippet specifici di ciascuna di queste voci anche andando su Articoli>Categorie oppure Articoli>Tags

Se vuoi impostare lo snippet delle categorie o dei tags puoi usare il plugin Yoast SEO

2.5 – Archivi

Nella sezione archivi puoi scegliere se indicizzare o meno contenuti irrilevanti come l’ archivio degli autori, le date o le pagine che presentano errori 404.


2.6 – Breadcrumbs

Un’ altra funzione presente nel plugin Yoast SEO si chiama Breadcrumbs. Grazie a questo strumento puoi scegliere se visualizzare o meno le “briciole di pane“.

Le “briciole di pane” vengono visualizzate su ogni pagina e mostrano il percorso fatto per arrivare ad una determinata pagina. Per esempio Shop>Bevande>Caffè>Offerte


2.7 – RSS Feed

Gli RSS Feed sono le notifiche che appaiono ad un utente che ha scelto di attivarle dopo aver visitato il tuo sito. Questi avvisi appaiono ogni volta che vengono pubblicati nuovi contenuti sul tuo sito web. E’ uno strumento eccellente per fare il follow up dei visitatori del tuo sito. Sotto certi punti di vista possiamo paragonare questa funzione all’ invio della newsletter. La differenza sostanziale è che queste notifiche vengono visualizzate direttamente sul browser dell’ utente.

Grazie a questa funzione puoi impostare la visualizzazione di queste notifiche.


3 – Search Console

SEMrush

La Search Console è una sezione molto importante. Infatti, se hai letto il mio articolo su come creare un sito web con WordPress, viene detto che il collegamento con la Search Console è uno dei passi più importanti da fare.

In questa sezione potrai ottenere il codice di verifica da Google e procedere ad inserirlo nell’ apposito spazio offerto da Yoast SEO.


4 – Social

In questa sezione puoi collegare i tuoi social al plugin Yoast SEO. Questo collegamento è utile per diversi motivi.

Infatti, quando per esempio pubblichi un contenuto nuovo puoi pubblicarlo in maniera automatica sui tuoi canali social grazie ad una funzione offerta da Yoast SEO. Per sfruttare questa interessantissima funzione è necessario collegare i tuoi social.

Inoltre, grazie a questa funzione puoi impostare lo snippet dei post pubblicati sui social come Facebook, Twitter ecc.

In realtà l’ anteprima social di ciascuno dei tuoi post può essere impostata in maniera specifica andando su Articoli o Pagine e scegliendo il contenuto che vuoi modificare. Tuttavia se in maniera accidentale ti sei scordato di impostare le anteprime social, grazie a questa funzione potrai impostare un’ anteprima generica cosi da evitare di pubblicare contenuti “vuoti”.


5 – Tools

Nella Sezione Tools trovi funzionalità molto interessanti che rendono lo svolgimento di certe operazioni molto più pratico e veloce. Sfruttando questa funzione puoi gestire diverse componenti della tua SEO.

Vediamo le funzioni più importanti.


5.1 – Importa ed Esporta

La funzione Importa ed Esporta ti permette di importare le impostazioni SEO per effettuare una migrazione da un plugin ad un altro. Infatti,  il plugin Yoast SEO è sicuramente lo strumento migliore per fare SEO.

Molti (me compreso), hanno scoperto questo plugin solamente in un secondo momento.

Prima di conoscere Yoast SEO utilizzavo un’ altro discreto plugin chiamatosi All in One. Questo plugin conteneva tantissimi dati SEO che ho impostato in diversi mesi di lavoro.

Grazie a questa funzione ho potuto importare velocemente tutti i dati senza dover perdere giornate per reimpostare tutto a mano.


5.2 – File Editor

Grazie a questa funzione puoi impostare il file robots.txt nonchè il file .htaccess

Il file robots.txt serve per comunicare ai motori di ricerca eventuali pagine che non vuoi vengano indicizzate. Grazie a questa funzione potrai indicare ai bot di Google quali pagine desideri non indicizzare.

La funzione .htaccess invece ti permette di modificare alcune impostazioni del tuo server cosi da impostare alcuni parametri utili soprattutto per la sicurezza.


5.3 – Bulk Editor

Grazie alla funzione Bulk Editor puoi impostare tutti gli snippet delle diverse pagine web senza dover aprire singolarmente ciascuna di esse. E’ una funzione molto comoda che ti permette di risparmiare tantissimo tempo.

Grazie a questa funzione puoi avere una panoramica completa di tutte le anteprime dei vari contenuti presenti nel tuo sito.


6 – Redirects

La funzione Redirects è uno strumento riservato a coloro che hanno la versione premium del plugin Yoast SEO. Questa funzione è utile perchè qui vengono riportati i reindirizzamenti automatici che questo plugin è in grado di offrire.

Grazie ai redirects, quando cambierai gli URL di alcuni articoli o pagine web non dovrai più temere errori 404. Gli errori 404 sono mostrati quando si cerca di visitare un URL che non esiste più. Si pensa che questi errori dispiacciono ai motori di ricerca ed in quanto tale sono fattori penalizzanti ai fini SEO.


Conclusione

La SEO è una preziosa fonte di traffico. Grazie alla SEO puoi generare sul tuo sito web traffico gratuito di qualità. Poter ricevere traffico senza pagare è uno dei pregi più grandi che un possessore di un sito può avere. Grazie al plugin Yoast SEO può ottimizzare il posizionamento del tuo sito nei motori di ricerca. Infatti grazie a questo fantastico plugin puoi scrivere testi ottimizzati per assicurarti più gradimento agli occhi dei motori di ricerca.

Fantastico non trovi ?


Luca
Luca

Nel 2016 subisco una truffa telefonica. Dopodichè apro il blog SoldiOnline.BIZ per far comprendere alle persone che fare Marketing Online in completa autonomia si può. Se non fossi stato truffato questo blog non sarebbe mai nato. E' proprio vero che non tutti i mali vengono per nuocere. Non vedo l' ora di subire una nuova truffa!

Lascia il tuo commento

La tua mail non verrà pubblicata